Il nostro impegno sostenibile

Il nostro impegno sostenibile

Nonostante il nostro coworking online rappresenti già un nuovo paradigma di fare coworking in maniera più sostenibile, abbiamo voluto impegnarci ulteriormente adottando una Policy Ambientale d'Impresa.

Il nostro impatto sull'ambiente

Quando in origine abbiamo pensato al primo coworking completamente online d'Italia, ci siamo subito resi conto della differenza a livello di sostenibilità ambientale rispetto ai classici coworking fisici.

Un ambiente totalmente online nel quale poter lavorare col proprio team o interagire con menti imprenditoriali di successo di ogni parte d'Italia (e potenzialmente anche dell'estero), ci ha subito fatto pensare a tutti quegli spostamenti non più necessari per recarsi alla location del coworking, oltre a tutta l'energia ed i rifiuti prodotti sia per costruirlo che per "viverlo".

Tuttavia, nonostante questo grande passo avanti e questo approccio orientato alla sostenibilità, ci siamo accorti di non essere ancora completamente in linea con i nostri ideali. Semplicemente perché, almeno per ora, non possiamo esserlo.

La nostra piattaforma genera un impatto sull'ambiente misurato in emissioni di CO2/Eq, data dalla quantità di energia di origine fossile che viene usata per il funzionamento dei server che ospitano il coworking.

Tuttavia vogliamo fare del nostro meglio, vogliamo impegnarci ulteriormente adottando una Policy Ambientale d'Impresa orientata ad una sostenibilità quasi totale.

La nostra Policy Ambientale d'Impresa

Per rispettare maggiormente l'ambiente, abbiamo pensato ad alcune indicazioni e pratiche che tutti i membri del coworking possano adottare per preservare e rispettare maggiormente l'ambiente:

Fornitori di servizi energetici

Scegliere fornitori di servizi energetici ecosostenibili, che adottino modelli di gestione e produzione compatibili con l'ambiente e/o modelli di compensazione ambientale. Al giorno d'oggi esistono fornitori capaci di erogare energia ottenuta da fonti 100% rinnovabili.

E sono gli stessi fornitori cerchiamo sempre di raccomandare agli imprenditori che seguiamo nel coworking, così da poter ottenere un cambiamento positivo nel mondo 100% sostenibile almeno a livello energetico.

Cambio di apparecchiature elettroniche

Cambiare computer o telefono ogni anno è davvero necessario? Dipende. Un'esigenza lavorativa può effettivamente comportare un cambio di cellulare ogni 2 o 3 anni, ma per quello che riguarda tablet, computer o altri dispositivi elettronici noi raccomandiamo un ricambio con utilizzo minimo di almeno 7 anni, soprattutto in merito agli apparecchi personali.

Inoltre bisogna verificare che il servizio di ritiro e smaltimento sia conforme con le nuove indicazioni del DECRETO LEGISLATIVO 3 settembre 2020, n. 118 - Disposizioni attuative della direttiva 2018/849/UE del pacchetto economia circolare sui rifiuti di pile e accumulatori e sui rifiuti elettronici.

Prendersi cura e conoscere i processi di realizzazione dei propri dispositivi permette di approcciare la tecnologia in maniera consapevole ed in armonia col pianeta Terra. Ricordiamoci che in origine tutto ciò non esisteva, e l'essere umano è un ospite... Non trasformiamoci in parassiti.

Consapevolezza sugli strumenti di comunicazione

Il nostro coworking online ha portato a sostituire buona parte dei servizi di comunicazione largamente utilizzati (telefono, chat ed email) con strumenti interni alla piattaforma, per permettere una comunicazione più efficiente fra i membri che ne fanno parte.

Siccome l'uso di email e di tutti i servizi di streaming video e audio hanno comunque un impatto sull'ambiente attraverso il consumo energetico dei server, cerchiamo di sensibilizzare chi entra in contatto con noi in merito ad un utilizzo consapevole di questi strumenti digitali.

Limitare l'uso di mezzi di spostamento propri (macchine)

Come scritto all'inizio, per "raggiungere" Collabfor.it non sono necessari spostamenti di alcun tipo.

Tuttavia, anche se abbiamo cambiato uno dei paradigmi dei classici coworking eliminando questo requisito normalmente fondamentale (e molto impattante sull'ambiente), ci teniamo comunque a diffondere la consapevolezza sugli spostamenti fuori dall'area di competenza del coworking.

Se non si riescono a prendere scelte più sostenibili rispetto ai temi trattati nei punti precedenti, possiamo riuscire a compensare il nostro impatto almeno cercando di evitare il più possibile le emissioni dovute ai nostri mezzi di trasporto privati.

Sempre che non si possieda auto elettriche, a idrogeno o molto nuove (quindi più efficienti nell'utilizzo del carburante). Ovviamente macchine più potenti come supercar, SUV o sportive tendono a consumare più combustibile!

Cultura del riutilizzo, riuso, riciclo

Durante eventi, consulenze o sessioni di networking cerchiamo di far implementare strategie ed azioni volte al riutilizzo, riuso e riciclo dei materiali di produzione o in generale di ogni asset aziendale tangibile.

L'obiettivo è quello di spingere ogni attività ad incorporare la cultura dell'economia circolare in azienda (che in realtà ha in cima il cercare di creare meno rifiuti potenziali, come ad esempio gli imballaggi in plastica per la frutta fresca a km. 0).

Compensazione dell'impatto ambientale

A volte un progetto non può essere completamente sostenibile, poiché in alcuni casi il modello di business, il prodotto o il contesto non lo permettono, almeno nella fase iniziale.

Per tamponare questo problema, con l'impegno concreto di rendersi sostenibili quanto prima, si può procedere verso una compensazione dell'impatto ambientale residuo.

Ovvero calcolare l'impatto ambientale prodotto dal proprio lavoro e compensarlo con la piantumazione di alberi o altri progetti ad alto impatto ambientale e/o sociale, come donazioni per animali in via d'estinzione, ricerca scientifica o aiuti umanitari.

Tuttavia questa soluzione non deve diventare una scusa perenne per non prodigarsi nel diventare quanto prima sostenibili sotto ogni punto di vista.

Rispettiamo 6 SDG (Sustainable Development Goals)

Nel settembre 2015 più di 150 leader internazionali si sono incontrati alle Nazioni Unite per contribuire allo sviluppo globale, promuovere il benessere umano e proteggere l’ambiente.

La comunità degli Stati ha approvato l’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile, i cui elementi essenziali sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS/SDGs, Sustainable Development Goals), i quali mirano a porre fine alla povertà, a lottare contro l'ineguaglianza, allo sviluppo sociale ed economico, ad affrontare i cambiamenti climatici e costruire società pacifiche entro l'anno 2030.

Gli OSS hanno validità universale, vale a dire che tutti i Paesi devono fornire un contributo per raggiungere gli obiettivi in base alle loro capacità. Per questo noi abbiamo scelto di impostare il nostro lavoro con l'obiettivo coprire, rispettare e contribuire a quanti più obiettivi possibile.

Collabfor.it infatti rispetta 6/17 obiettivi, ecco quali: